Home Workshop
Workshop 2009
IL TEMPO SOSPESO, NEI CONFINI TRA NARRAZIONE E CANTO PDF Stampa E-mail
da sab 17-10-2009 10:30/13.00 a sab 24-10-2009  -  Teatro Comunale
Stage di CANTO CORALE a cura dell'Associazione Malfornita Teatro - diretto da Antonio Pizzicato
pizzicatoL'allenamento della propria voce al canto è un esercizio fondamentale nella preparazione di un attore. Attraverso questa pratica, si compiono spanerse azioni irrinunciabili: lo studio, la pratica e lo sviluppo della propria disponibilità vocale e la maturazione di una preziosa consapevolezza nella modulazione ritmica e melodica.
La presenza vocale di un attore non può essere casuale. Le intenzioni delle sue parole, i sentimenti che suscitano e le immagini che rivelano, si attuano compiutamente per mezzo di un'accurata conoscenza del proprio timbro e dei differenti registri di cui dispone. Essi vanno rivelati, allenati e potenziati affinché le coloriture della nostra voce e gli spazi verso cui la protendiamo, siano sempre più ampi, caldi e dettagliati. Il Canto Corale è il territorio privilegiato per maturare queste intenzioni, ed è un percorso che attraversa la musica con semplici e intuitive regole e si rivolge al Teatro e all'Attore, un percorso di interpretazione e di ricerca personale.
Leggi tutto...
 
COMMEDIA DELL'ARTE PDF Stampa E-mail

da sabato 17-10-2009 10:30 a sabato 24-10-2009  -  Mulino Pacifico
Stage a cura di Enrico Bonavera

bonaveraSe sono 'cascato' dentro alla Commedia dell'Arte lo devo alla maschera di Arlecchino, e se ci sono rimasto, é per la scoperta di un luogo immaginario e trasversale dove in passato si sono incontrate competenze e discipline artistiche spanerse. La maschera mi ha fatto scoprire che esiste ancora oggi un bisogno di teatro di 'archetipi', in cui il pubblico possa ritrovare e riconoscere la rappresentazione degli aspetti più profondi e semplici dell'essere umano. Il Canovaccio - questa struttura non scritta - mi ha proposto una figura di attore autonomo, 'totale', capace di governare corpo, voce e mente, e di mettere tutti gli strumenti al servizio di una situazione drammatica, di un gruppo di colleghi ed, insieme, del proprio pubblico. Un teatro di grande rigore e di grande libertà, di realismo e di follia insieme. Non dunque uno 'stile' di teatro, ma un 'genere' omogeneo, unificato da un linguaggio immediato e semplice: il realismo stilizzato. Per me é importante pensare che quel linguaggio oggi appartiene anche a storie spanerse: dall'Opera di Pechino, al teatro epico di Brecht, dalla farsa napoletana, alla crudeltà di Moliére, e che non si é fermato alla riproduzione, per altro superata nel suo nascere da Ruzante ed esaurita da Goldoni, della consueta trama degli Amanti.

Leggi tutto...
 
ENTASIS – ARCHITETTURA DELLE ARTI PERFORMATIVE PDF Stampa E-mail

da sabato 17-10-2009 09:00 a sabato 24-10-2009  - Mulino Pacifico
Stage/performance a cura di Michele Monetta e Lina Salvatore dell'ICRA Project di Napoli

monettaTutto il lavoro ha come riferimento la Magna Grecia e i maestri e i padri della cultura mediterranea, a loro volta esempio e guida per la cultura latina. Chi non ricorda lo straordinario e dinamico effetto dei templi con i potenti colonnati (il Partenone o i Templi di Paestum) che, grazie alla sapiente e raffinata sensibilità degli scultori/architetti (Ictino, Callicrate, Scopas e Fidia) snellivano la forza delle strutture portanti rastremando delicatamente le colonne scanalate con una leggera e dolce curva che ne riduceva il diametro in prossimità del capitello, sia esso dorico, ionico o corinzio. Nell'osservare con attenzione la colonna, quindi, essa avrà a circa un terzo dal basametro un punto dove il suo diametro risulterà massimo, per poi restringersi un po' verso il basso e in maniera più evidente, verso l'alto. Questo punto è l'ENTASIS! E' la contrazione che precede la spinta in un "attimo-eterno" che ci porta ad immaginare una reazione elastica della struttura, una promessa di movimento. L'immobilità dinamica come nell'attore, il sats (termine nordeuropeo) o contrappeso per usare un termine della grammatica del mime corporel di Etienne Decroux.

Leggi tutto...